10:01 lunedì 29 Novembre 2021

Quel che si dice sul 5G

Definizione rapida

5G è la quinta generazione di tecnologia di rete cellulare. Offre velocità più elevate, larghezza di banda più ampia, latenza più bassa e capacità più avanzate rispetto alle precedenti generazioni. I fornitori di servizi di rete mobile (MNO) hanno iniziato a implementare reti 5G nel 2019 ed è scoppiata la competizione tra gli operatori per la scalata al titolo di miglior competitor del settore telecomunicazioni. E fin qui per chi vuole sapere in maniera breve del 5G.

Premessa

Prima di approfondire del 5G sarebbe meglio cominciare a “masticare”, visto che questo post è su un food blog quale migliore definizione 😊 di masticare… alcuni termini anglofoni che molto più spesso, nel tempo che verrà, saranno necessari per essere al passo con la conoscenza sull’ evoluzione di questa tecnologia. della serie: ma di cosa stiamo parlando?

Quindi oltre all’acronimo ormai più conosciuto: A.I. (Artificial Intelligence) leggerete dell’acronimo  I.o.T.  (Internet of Things) o ancora di Internet delle Cose e ci fermiamo qui perché altri termini come LPWAN, NB-IoT, LTE-M, mMTC sono tutti termini incorporati nelle tecnologie 5G ma lasciamoli agli esperti del settore.

E torniamo agli Internet degli oggetti. Ci sono, infatti, gli oggetti intelligenti (i cosiddetti “smart objects”) alla base dell’Internet of Things.

E non stiamo parlando soltanto di computer, smartphone e tablet ma soprattutto degli oggetti che ci circondano all’interno delle nostre case, al lavoro, nelle città, nella vita di tutti i giorni.

L’Internet of Things nasce proprio qui: dall’idea di portare nel mondo digitale gli oggetti della nostra esperienza quotidiana.

Image by akitada31

Cosa si intende per Internet delle Cose

L’espressione Internet of Things è stata formulata per la prima volta nel 1999, in stretta relazione con i dispositivi RFId (Radio Frequency Identification), dall’ingegnere inglese Kevin Ahston, cofondatore dell’Auto-ID Center del Massachussetts.

Per Internet of Things (IoT) o Internet delle Cose si intende quel percorso nello sviluppo tecnologico in base al quale, attraverso la rete Internet, potenzialmente ogni oggetto dell’esperienza quotidiana acquista una sua identità nel mondo digitale. Come detto, l’IoT si basa sull’idea di oggetti “intelligenti” tra loro interconnessi in modo da scambiare le informazioni possedute, raccolte e/o elaborate.

Ma il significato di IoT va ben oltre la semplice definizione e si traduce nel concreto: la IoT va oltre gli oggetti intelligenti e assume un significato pieno nella rete che interconnette questi oggetti. Gli esempi di Internet of Things, in questo senso, sono innumerevoli.

Tanto per fare un esempio molto semplicistico: Alexa, il box di Google che attraverso i comandi vocali impartiti, dà ordini agli oggetti di accendersi o spegnersi o di cercare musica o altro.

Ancora basti pensare alle automobili, inizialmente connesse “solo” tramite box GPS-GPRS con finalità assicurative e che oggi escono dalle fabbriche già dotate di connettività a bordo. Oppure alla casa, in cui abbiamo assistito all’evoluzione dalla “sola” domotica cablata a soluzioni wireless sempre più alla portata di tutti, caratterizzate da servizi in cloud e dall’uso crescente dell’Intelligenza Artificiale. Oppure ancora si pensi alla fabbrica, ambito in cui le tecnologie IoT stanno contribuendo sia in termini di distribuzione dell’intelligenza del sistema. Per fare esempi di IoT ancora più semplici pensiamo ai comunissimi lampioni delle nostre città, in grado di regolare la loro luminosità sulla base delle condizioni di visibilità, oppure ai semafori che si sincronizzano per creare un’onda verde per il passaggio di un mezzo di soccorso. Tutto questo è Internet of Things!

Image by tianya1222 from Pixabay

Che cos'è 5G? Tutto quello che devi sapere

Ho esordito con il fatto che 5G è la quinta generazione di tecnologia di rete cellulare, velocissima e con delle potenzialità incredibili, infatti le reti 5G stanno migliorando notevolmente la connettività Internet ad alta velocità in tutto il mondo e aprendo le porte a una rivoluzione nell’Internet of Things (IoT). Esistono già miliardi di dispositivi IoT, ma la larghezza di banda più ampia e l’utilizzo più efficiente dello spettro delle reti 5G consentiranno a molti più dispositivi di operare in prossimità senza interferire tra loro.

Passeranno anni prima che il 5G raggiunga il pieno potenziale e le reti 4G LTE saranno ancora disponibili per lungo tempo. Ma sia per i produttori che per i consumatori di banda, ma soprattutto per gli operatori che offriranno il servizio 5G, il tempo che passa sarà utile per capire nei dettagli come questa tecnologia possa modellare il panorama della connettività cellulare. Cioè, in pratica neanche loro sanno dove si possa arrivare con questa tecnologia, sicuramente è il futuro, sicuramente è il TOP ma rimane un day by day  che è dato dalla necessità del mercato del consumismo di essere sempre presenti con novità che devono spingere il consumatore ad acquistare nuovi prodotti con nuove tecnologie.

Un esempio? Compri il telefono 5G adesso ma scoprirai appieno le sue caratteristiche e funzionalità solo quando la rete 5G sarà pienamente disponibile. Al momento quello che riesco a capire leggendo qua e là su internet, parlando con addetti degli operatori telefonici che solo tra un paio di anni si possa raggiungere un livello tale da capire ed avere la disponibilità del 5G in modo ottimale.

Image by Daniel Kirsch from Pixabay

Quanto è veloce il 5G?

Le reti 5G sono progettate per raggiungere una velocità di download massima di 20 Gbps e una velocità di upload massima di 10 Gbps. Le cifre medie sono più simili a 100 Mbps per i download e 50 Mbps per i caricamenti.

Per fare un confronto, le velocità massime dei dati teorici per 4G LTE sono 150 Mbps per i download e 50 Mbps per i caricamenti, con una velocità di download media di 20 Mbps e una velocità di caricamento media di 10 Mbps.

In altre parole, la velocità media dei dati di 5G è cinque volte più veloce di 4G e, in teoria, un fornitore di servizi 5G potrebbe offrire un prodotto in grado di raggiungere velocità più di 100 volte più veloci.

Ma 5G non si vanta solo di velocità di downlink e uplink più veloci. Ha anche una latenza molto più bassa. Latenza è il tempo impiegato da un operatore 5G per inoltrare richieste e risposte da un dispositivo all’altro attraverso una rete. In una rete 5G, la latenza media è di quattro millisecondi e l’operatore 5G può essere inferiore a un millisecondo per alcune applicazioni. Con una connessione 4G, la latenza è più vicina ai 50 millisecondi, rendendo la latenza del 5G più di 10 volte inferiore al 4G

I consumatori possono scaricare film integrali in alta definizione in pochi secondi. E le applicazioni IoT avanzate come auto a guida autonoma, attrezzature agricole intelligenti e assistenza sanitaria a distanza si affideranno a bassa latenza 5G e maggiore larghezza di banda.

In passato, le velocità più elevate sono andate di pari passo con un maggiore consumo di energia, ma 5G si basa sulle funzionalità di risparmio energetico del 4G per offrire una maggiore produttività dei dati e un minor consumo di energia.

Qual è la larghezza di banda di 5G?

La velocità non è l’unico vantaggio delle reti 5G. La tecnologia 5G offre una larghezza di banda significativamente più ampia e una maggiore flessibilità riguardo al modo in cui le bande vengono utilizzate. Ciò significa che le reti 5G possono mantenere una connettività stabile per un numero molto maggiore di dispositivi in un’area concentrata. Ogni rete opera all’interno di specifiche bande di frequenza e i dispositivi su quella rete devono condividere quella larghezza di banda. Nel corso degli anni, i progressi della tecnologia wireless e i nuovi approcci alla connettività hanno permesso ai fornitori di fare di più con la larghezza di banda che hanno. Tuttavia, ogni rete deve ancora affrontare la stessa limitazione: troppi dispositivi che utilizzano le stesse bande di frequenza all’interno della stessa “cellula” di una rete cellulare creano interferenze e interrompono la connettività.

Le reti 5G possono facilitare la connettività a basse frequenze inferiori a 1 Gigahertz (GHz), frequenze medie da 1 GHz a 6 GHz e frequenze alte da 6 GHz a oltre 100 GHz. Inoltre, una rete 5G può collegare dispositivi su bande sia autorizzate che senza licenza, offrendo ai fornitori una maggiore flessibilità nel modo in cui utilizzano lo spettro delle radiofrequenze.

Per fare un confronto, le reti commerciali 4G possono utilizzare solo bande tra 600 MHz e 3 GHz.

Mentre le frequenze sostanzialmente più alte consentono una maggiore velocità dei dati, ciò crea anche nuove sfide per gli addetti ai lavori che vogliono sfruttare il 5G

Meno copertura

Le frequenze radio più elevate hanno lunghezze d’onda più brevi. Ciò significa che non possono viaggiare fino in fondo. Ciò significa che le “cellule” di una rete cellulare 5G devono essere più piccole se un MNO vuole fornire l’accesso a quelle bande ad alta frequenza. Le reti 5G richiedono più infrastrutture e tale infrastruttura offre una copertura inferiore.

Inoltre, le frequenze più alte hanno un tempo più difficile a penetrare negli edifici, il che significa che hanno una scarsa copertura interna. 5G può utilizzare bande anche a frequenze basse e medie, ma le applicazioni indoor spesso non saranno in grado di utilizzare le bande superiori.

La connettività 5G è molto utile nelle grandi città dove c’è una maggiore concentrazione di dispositivi cellulari (e una maggiore domanda di Internet ad alta velocità e bassa latenza). Ma ci vorrà del tempo affinché gli MNO costruiscano l’infrastruttura necessaria per fornire una copertura 5G diffusa.

Qui si cerca di spiegare in maniera “leggermente” tecnica come però, Reti a bassa potenza (LPWAN) portano a divenire IoT a banda stretta; tecnicamente NB-IoT e LTE-M stanno iniziando una sorta di JV di tecnologie 5G.

Il Massive Machine-Type Communications (mMTC) è l’applicazione che mette in collegamento un numero elevato di dispositivi: si stima che alla tecnologia 5G saranno collegati circa 50 miliardi di dispositivi IoT, di cui la maggior parte userà il più economico Wi-Fi, (mMTC) è l’evoluzione 5G di NB-IoT e LTE-M, e l’interazione con tra le varie infrastrutture 5G faciliterà la copertura del 5G.

Rischi per la sicurezza dell’IoT

La connettività 5G sta facendo spazio a decine di miliardi di nuovi dispositivi connessi e applicazioni più avanzate per l’IoT cellulare. Questo massiccio aumento del volume e delle capacità dei dispositivi abilitati a Internet continuerà ad essere presente Sicurezza IoT Fide.

Ogni dispositivo connesso crea opportunità per un’applicazione di fungere da gateway per gli altri dispositivi connessi di un utente, e le botnet (una rete di computer, solitamente PC, controllata da un botmaster e composta da dispositivi infettati da malware specializzato) probabilmente cresceranno in proporzione diretta a questo aumento, rendendole in grado di infliggere danni ancora maggiori a una rete attraverso la negazione distribuita- di -Service attacchi.

Man mano che i dispositivi IoT continuano a raccogliere e utilizzare dati più avanzati, aumenta anche il rischio di accesso non autorizzato.

Questa è sempre stata una sfida con l’IoT, ed anche questo sarà un mercato esacerbato dalla continua crescita in questo settore, ma ci saranno compagnie in grado di combattere questa sfida alla connettività 5G. In effetti, le reti 5G introducono nuovi meccanismi di sicurezza che rendono questa connettività più sicura rispetto ad altri tipi di rete, come la capacità di farlo itcrypt Identità internazionali degli abbonati mobili (IMSI), itd-to-end itcryption of all network traffic, and mutual authentication

Interferenza satellitare

La capacità di 5G di accedere a frequenze radio più elevate ha introdotto un problema che i vettori cellulari e i produttori non hanno mai riscontrato prima: condividono la larghezza di banda con i satelliti che utilizziamo per le previsioni meteorologiche. Gli scienziati hanno avvertito che l’uso di queste bande ad alta frequenza potrebbe interferisce in modo significativo con la nostra capacità di tracciare, misurare, valutare, registrare e prevedere con precisione il tempo meteo.

Alcuni dei motivi

In Europa cosi come In America ci sono da diversi anni diatribe per i problemi legati alla banda di trasmissione del 5G. C’è panico scatenatosi intorno al 5G per il timore che esso possa essere causa di varie malattie, ad esempio tumori, anche se al momento non ci sono dati che permettono di escludere o confermare che questa nuova tecnologia abbia effetti dannosi per la salute o meno (non ci sono risposte chiare e definitive neanche sulle tecnologie precedenti, figuriamoci sul 5G che è ancora agli albori). Ma non solo, infatti negli Usa si è accesa la polemica per una frequenza vicina e fondamentale per i meteorologi. A circa 23,8 GHz, le molecole di vapore acqueo emettono una piccola quantità di radiazioni, uno dei modi migliori per rilevare a distanza il contenuto di acqua atmosferica che alimenta nuvole e tempeste. Perché l’aria è trasparente a quelle frequenze, i sensori collegati al sistema satellitare polare congiunto NOAA e ai satelliti meteorologici operativi europei possono raccogliere dati da tutti i livelli dell’atmosfera, fornire un contributo cruciale non solo per le previsioni meteorologiche familiari di 7 giorni, ma anche per prevedere la forza degli uragani e dove faranno sbarcare. Un record di vapore acqueo a lungo termine può anche aiutare a calibrare i modelli di cambiamento climatico, aggiunge Eric Allaix, meteorologo presso la Météo-France di Tolosa che guida un comitato dell’Organizzazione meteorologica mondiale sul coordinamento delle radiofrequenze.

Anche se le trasmissioni 5G saranno separate dalla banda del vapore acqueo da un buffer da 250 megahertz (MHz), i meteorologi temono che ci saranno fuoriuscite di onde elettromagnetiche nella banda e queste interferiranno con la debole emissione naturale. A marzo, poco prima dell’asta per le acquisizioni delle frequenze di banda a 24 GHz della FCC (Federal Communications Commission), il segretario al commercio Wilbur Ross, che sovrintende al NOAA National Oceanic and Atmospheric Administration), e l’amministratore della NASA Jim Bridenstine ha inviato una lettera in cui chiedeva alla FCC di rinviare l’asta. FCC in nome non si sa di chi, ha comunque dato via alla vendita e comunque sia i colossi T-Mobile che AT&T hanno poi acquistato le loro parti di banda.

Le cose ovviamente si sono riscaldate e da quel momento Neil Jacobs, amministratore delegato di NOAA, ha testimoniato al Congresso a maggio che uno studio interno aveva scoperto che l’interferenza correlata al 5G poteva costare NOAA il 77% dei dati sul vapore acqueo che raccoglie a 23,8 GHz e questo porterebbe a degradare le previsioni meteorologiche fino al 30%, a livelli del 1980. “È un set di dati critico per noi”, ha detto Jacobs. Bridenstine ha fatto eco alle preoccupazioni di Jacobs e finanche la Marina si preoccupa della possibilità di involuzione nel livello della qualità delle previsioni.

Comunque, I vettori wireless e la Federal Communications Commission (FCC) hanno ribattuto che mantenere concentrate le reti 5G nelle aree urbane e utilizzare la tecnologia di beamforming renderà insignificante questa potenziale interruzione.

Quando sarà ampiamente disponibile 5G?

La maggior parte dei principali vettori ha già implementato reti 5G e ha venduto milioni di dispositivi compatibili con 5G. Ma per ora, il servizio 5G è in genere disponibile solo nelle città più grandi. Alcuni vettori hanno già una copertura 5G in centinaia o migliaia di città, ma su bande a bassa frequenza. La copertura 5G a banda bassa sarà probabilmente ampiamente disponibile come già scritto sopra in un paio d’anni però le connessioni 5G ad alta velocità impiegheranno più tempo per essere implementate.

Danni alla salute?

5G funziona producendo un tipo di energia chiamata radiazione elettromagnetica. Utilizza frequenze più elevate rispetto alle precedenti reti wireless, rendendole più veloci ed efficienti.

Le frequenze elettromagnetiche, come quelle prodotte dal 5G, creano un’area di campo chiamato elettromagnetico (EMF). Alcune persone credono che i campi elettromagnetici abbiano effetti negativi sulla salute.

Di conseguenza, vi è preoccupazione su come il 5G influenzi la salute. Al momento non ci sono rischi per la salute noti legati al 5G ma solo perché non sono conosciuti! .

Vediamo, ad oggi, i campi elettromagnetici sono stati potenzialmente associati al:

Riscaldamento dei tessuti del corpo umano

Un piccolo studio del 2017 di Trusted Source ha mostrato che i telefoni cellulari utilizzano frequenze da 1,8 a 2,2 GHz. Queste frequenze causano il riscaldamento dei tessuti, secondo l’OMS.

Il riscaldamento dei tessuti si verifica quando la pelle assorbe energia elettromagnetica. Ciò provoca un leggero aumento della temperatura nel cervello e nel corpo.

Una fonte attendibile nel 2021 ha anche scoperto che le persone riscontrano più riscaldamento dei tessuti correlato ai campi elettromagnetici man mano che invecchiano. Inoltre, più alti sono i campi elettromagnetici, più assorbono. Questo perché le persone anziane tendono ad avere uno spessore della pelle e un flusso sanguigno ridotti.

Tuttavia, il riscaldamento dei tessuti è considerato breve e minimo. La Federal Communications Commission (FCC) americana afferma inoltre che il pubblico è esposto a frequenze molto basse di campi elettromagnetici. Questi livelli sono troppo bassi per causare un significativo riscaldamento dei tessuti e che quindi sono necessarie ulteriori ricerche per determinare come il 5G influisca specificamente sui tessuti umani.

Nel 2011, il Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) i campi elettromagnetici dichiarati sono “possibilmente cancerogeni” per l’uomo. La classificazione è stata determinata da 30 scienziati provenienti da 14 paesi.

Ad oggi, la maggior parte degli studi ha esaminato il potenziale legame tra EMF e cancro al cervello. Ma i risultati sono stati incoerenti.

Ad esempio, a Revisione della ricerca 2017 scoperto che le radiazioni EMF dai telefoni cellulari sono associate al glioma, un tipo di cancro al cervello. Una ricerca nel 2018, d’altra parte, non ha trovato una chiara conferma.

Poi dalla comunicazione dell’avvento sul mercato di 5G, su molti social media sono apparsi affermazioni sul comportamento del 5G sulla salute.

Esempi di queste affermazioni includono:

  • I vaccini COVID-19 contengono microchip 5G
  • Il rilascio di 5G viene utilizzato per coprire la pandemia di COVID-19
  • 5G provoca mal di testa, emicrania e vertigini

La verità è che non ci sono prove dietro queste affermazioni.

5G E IL NUOVO CORONAVIRUS

C’è anche un mito secondo cui le reti mobili 5G sono associate al nuovo coronavirus SARS-CoV-2, che causa la condizione COVID-19. Questo come lo fate a provare?

Secondo le voci, si dice che il 5G diffonda direttamente il virus. Ma i virus si diffondono attraverso le goccioline respiratorie, non le reti wireless.

Alcune voci affermano che il 5G sopprime il sistema immunitario, aumentando il rischio di contrarre SARS-CoV-2, che causa COVID-19. Ma anche questo è falso. Non ci sono prove che EMF o 5G influenzino il rischio di sviluppare infezioni virali. associazione tra EMF ad alta frequenza e tumori cerebrali.

Ancora una volta, sono necessari ulteriori studi per determinare se la frequenza del 5G può contribuire allo sviluppo del cancro.

Insomma si potrebbe scrivere per pagine e pagine ma la verità (secondo me) è che ci troviamo in uno stato delle cose dove sembra che abbiamo conoscenza di tutto e di tutto abbiamo il controllo ma in effetti stiamo andando così avanti nell’ evoluzione tecnologica che questa non sta di pari passo con l’azione/reazione su causa/effetto.  Al momento non ci sono dati che permettono di escludere o confermare che questa nuova tecnologia abbia effetti dannosi per la salute o meno (non ci sono risposte chiare e definitive neanche sulle tecnologie precedenti, figuriamoci sul 5G che è ancora agli albori).

È un po’ come il vaccino contro il Covid, lo stiamo prendendo tutti senza sapere quali sono gli effetti a lungo termine, però al momento si và a coprire una necessità.

Con la differenza che quella del Covid è per motivi di salute, questa del 5G è si una corsa verso il futuro ma quale?

Andremo a proporre le ricette tipo: la pasta e fagioli con le cozze ai nostri amici extraterrestri?

Io con uituit sono pronto, poi … chi vivrà vedrà!

Ciao.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

NEWS

Carne: Consigli utili

Ci sono molti trucchi, segreti e tante ricette per fare la carne alla brace o alla griglia in maniera perfetta, dalla marinatura alla cottura, fare

Leggi Tutto »
Subscribe to our newsletter

Sign up to receive updates, promotions, and sneak peaks of upcoming products. Plus 20% off your next order.

Promotion nulla vitae elit libero a pharetra augue